Associazione Internazionale IDROGEOLOGI
Sezione italiana

Gruppi di lavoro

IDROGEOTER - Idrogeologia e uso sostenibile delle risorse geotermiche in Italia

Coordinatore: Paolo Cerutti, Senior Hydrogeologist, ECOTER CPA S.r.l., Lodi, Italy (paolo.cerutti@ecotercpa.it)

Il Gruppo di Lavoro (GdL) è stato istituito all’interno dell’Italian Chapter della International Association of Hydrogeologists (IAH), nella riunione del Comitato Italiano IAH del 19 settembre 2012, in occasione del Congresso IAH 2012 a Niagara Falls (Canada).

Il GdL successivamente ha formalmente avviato le proprie attività con la prima riunione operativa tenutasi venerdì 15 febbraio 2013, in occasione del IX Convegno dei Giovani Ricercatori AIGA, a Napoli, presso la Facoltà di Ingegneria, Sezione Geologia Applicata.

Il gruppo di lavoro è aperto a tutti gli interessati.

Obiettivi generali:

  • interazione con Enti con competenze sul territorio in materia geotermica (Ministero per lo Sviluppo Economico, ISPRA, CNR, Enti Locali, ecc.) ed altre organizzazioni, per una programmazione degli studi idrogeologici finalizzati alla gestione sostenibile dell’uso della risorsa;
  • miglioramento e divulgazione di conoscenze, sviluppo e diffusione di competenze, educazione e formazione di professionisti, tecnici ed amministratori, sull’interazione fra idrogeologia e geotermia;
  • organizzazione di workshop scientifici con finalità di studio, confronto e discussione; redazione di strumenti divulgativi-educativi (glossari, Data-base, WEB-GIS, etc.);
  • evidenziazione del contributo determinante della geologia e della competenza esclusiva dell’idrogeologo nella redazione di studi idrogeotermici regionali e della cartografia del potenziale geotermico;
  • pubblicazione, al termine dei lavori, di linee guida per gli studi idrogeologici in ambito geotermico, sia a scala regionale, che di dettaglio.

Descrizione delle tematiche affrontate 

Le attività del GdL vertono sui diversi aspetti ovviamente attinenti l’oggetto “Idrogeologia e uso sostenibile delle risorse geotermiche in Italia” e si sviluppano e svilupperanno intorno ai seguenti temi:

1. Analisi del quadro programmatico, normativo e legislativo, a livello internazionale, nazionale (in particolare D. Lgs. n. 22/10 e D. Lgs. n. 28/11) e regionale

2. Analisi dello stato dell’arte nell’utilizzo del potenziale geotermico in sistemi geotermici, sia sul territorio nazionale, che a scala internazionale.

3. Censimento dei dati, degli studi e delle applicazioni geotermiche in Italia, con particolare riferimento a quelle a bassa entalpia (T< 90°) individuate dal Ministero per lo Sviluppo Economico.

4.  Classificazione dati censiti, selezione di casi significativi, sistematizzazione di dati, identificazione di indicatori, sistematizzazione dati su parametri significativi;

5. Evidenziazione delle problematiche specifiche della idrogeotermia nelle fasi di: studio, caratterizzazione, modellazione, progettazione, realizzazione e manutenzione delle opere, gestione della risorsa, aspetti economici;

6. Valutazione dell’impatto ambientale dello sfruttamento del sottosuolo per uso geotermico (inclusa la reiniezione dei fluidi geotermici reflui): previsione, prevenzione e mitigazione del rischio di depauperamento ed inquinamento delle falde;

7. Definizione di criteri ed indirizzi per studi idrogeotermici di dettaglio: analisi e modelli di bilancio idrogeologico, caratterizzazione quali-quantitativa delle acque sotterranee e idrogeotermica degli acquiferi;

8. Definizione di criteri ed indirizzi per gli studi idrogeologici nella progettazione di sistemi-impianti geotermici per bassissima entalpia: opere di presa (e resa) a ciclo aperto (open-loop - a pozzo - ad acqua) e chiuso (closed-loop - a sonda - a secco).

Risorse allegate